Cortazzone (AT)

L’intervento di ristrutturazione di notevole entità ha riguardato sia l’abitazione, composta da una doppia struttura affiancata e sviluppata su quattro piani, che il parco, lasciato dai precedenti proprietari come semplice area verde.
Il progetto di intervento si è sviluppato a partire dalla zona di accesso alla proprietà: l’ingresso principale è stato ‘spostato’ sul lato che originariamente era considerato il retro dell’abitazione e che, con la realizzazione di una nuova strada di accesso, il posizionamento di una nuova cancellata e la sistemazione del parco circostante, rende immediato lo sviluppo dell’impianto abitativo e della proprietà che lo circonda. Il parco è stato quindi strutturato in diverse zone, rese accessibili da nuovi percorsi e che, con l’intervento sulle piantumazioni esistenti integrate a nuove, ha visto l’inserimento di una importante piscina (luxlargh) e relativa area relax con cabina doccia/spogliatoio, la realizzazione di un’area barbecue e forno, la localizzazione di uno spazio per la coltivazione, il posizionamento di un ricovero per le attrezzature del giardino e lo sviluppo di passeggiata illuminata circostante la proprietà.
L’intervento sull’abitazione è stato apparentemente meno radicale in quanto l’approccio definito con la committenza ha portato a considerare la ristrutturazione nell’ottica della conservazione della struttura originaria, con l’intento di migliorarne la funzionalità, ma nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell’organismo stesso. La struttura è stata così rivista totalmente nella parte impiantistica elettrica ed idraulica, con l’inserimento di riscaldamento a pavimento, sul quale è stato posato un pavimento ‘recuperato’ di mattonelle di cotto; la parte esterna è stata totalmente rintonacata e tinteggiata con una scelta di tonalità rispettosa della preesistenza e gli infissi originari riparati e ripristinati. Le uniche modifiche al disegno della struttura si risolvono quindi nella chiusura di uno dei due loggiati e nell’inserimento di un nuovo corpo addossato all’abitazione contenente la nuova caldaia e gli impianti tecnici.
Il piano terra ha così mantenuto la sua funzione di zona giorno con la cucina, ampliata dallo spostamento nell’ambiente a destra della scala di accesso al piano primo, e la realizzazione di unja più grande zona salotto sulla quale si ‘affaccia’ la zona pranzo posizionata nell’ambiete lungo e stretto prima utilizzato come cucina. Il migliore utilizzo del sottoscala, ha reso possibile l’inserimento di un bagno prima inesistente al piano terreno.
Il piano tavernetta, originariamente vera e propria cantina, ha invece subito una radicale trasformazione: un nuovo utilizzo del grande ambiente voltato con mattoni a vista, in grande area conviviale per le feste con annessa cantina realizzata all’interno di un “infernotto” direttamente sul terrapieno di terra e roccia, ed un ampliamento degli spazi: un’area relax e fitness ricavata dallo sbancamento della vecchia legnaia –accessibile originariamente solo dal giardino- ed ora collegata allo spazio tavernetta ed ospitante sauna, hammam, vasca idromassaggio, doccia e tapis roulant. Questi nuovi spazi sono quindi stati resi accessibili oltre che dalla grande apertura verso il giardino, come in origine, anche dalla nuova cucina.
Il piano primo ha mantenuto la zona notte con le due camere, ma oltre al totale rifacimento del bagno padronale, è stato creato un secondo bagno a servizio della seconda camera.
Nella torre, la terza camera è stata ridimensionata con l’inserimento di una cabina armadio e del bagno, mentre il posizionamento di una nuova è più ampia scala, ha reso accessibile il belvedere, utilizzato come spazio aperto per le attività musicali e video.
La chiusura di uno dei due loggiati con pareti vetrate, è stato l’intervento che ha reso possibile la realizzazione della quarta camera, voluta dalla proprietà composta da una famiglia con tre figli. Il bagno già presente su questo piano, è stato così reso privato a servizio di questo ambiente.

LA TIPOLOGIA – PALAZZOTTO 400mq + PARCO

LA PROPRIETA' – 2 ADULTI+3 FIGLI

L'INTERVENTO – RISTRUTTURAZIONE E PROGETTO DEL VERDE

L'OBIETTIVO DELL’INTERVENTO – SISTEMAZIONE INTERNA PER AUMENTARE IL NUMERO DELLE CAMERE E DEI SERVIZI, RENDERE UTILIZZABILE LA TAVERNETTA ED IL BELVEDERE. REALIZZARE UNO SPAZIO VERDE PROGETTATO CON ZONA PRANZO, PISCINA E PERCORSI.

ANNO DI REALIZZAZIONE - 2006

PERCORSO PROGETTUALE

View the embedded image gallery online at:
http://dasarchitetti.it/asti#sigProGalleriada7757a8e2
Altro in questa categoria: Torino - via Santa Chiara »
loghino

Corso Dante 121 A, Torino

+39 333 6379448  info@dasarchitetti.it

Arch. Alessandro Gambarotto + Arch. Gabriella Kirn

1373556106 facebook circle color